bio

Curriculum

Sara Bernabucci è nata a Roma nel 1977.

Laureata all’Accademia di Belle Arti di Firenze, lavora dal 2006 al 2008 nello studio dell’artista Alfredo Pirri. Nel 2007 è selezionata per un workshop in Umbria diretto dall’artista giapponese Hidetoshi Nagasawa per realizzare un progetto site-specific nel Parco dell’arte a Cancelli(Foligno). Lo stesso anno vince il concorso Muvin’up per la promozione di giovani artisti italiani all’estero, sponsorizzato dal Ministero del turismo e delle attività culturali.
Partecipa a numerosi progetti all’estero tra cui nel 2008 a Pechino “Emty city/mutant place” curato da Filippo Salviati e nel 2010 a Rabat “Signe et corps”con la fondazione Karim Bennani e l’Ambasciata del Marocco.
Ha partecipato a numerose mostre collettive tra cui negli ultimi due anni a Genova, Biennale di arte contemporanea, a Roma, nella Galleria Interno 14 (cura di Giorgio De Finis) e a Biella per la Fondazione Pistoletto-Città dell’arte (opera collettiva “Insieme per il MAAM”, cura di Giorgio De Finis)

Mostre personali
2007
Il sogno di Eva” Rialtosantambrogio, Roma. Cura di Giulia Giovanardi

2008
Empty citymutant place” Galleria Art Channel, Pechino. Cura di Filippo Salviati e Ambra Corinti

2009
Senza perdere il filo” Galleria Marte, Roma. Cura di Lea Mattarella
Segno e corpo” teatro dei Dioscuri, Roma. Cura di Giulia Giovanardi

2010
Signe et corps” Galerie Bab Lakbir, Rabat. Cura di Giulia Giovanardi e Abderrahman Benhamza

2014
“Percée” opera a quattro mani con Sauro Radicchi, MAAM, Roma. Cura di Giorgio De Finis
“Scenografie in trasparenza” istallazione e performance liberamente tratta dall’Enrico IV di Pirandello, Teatro Valle, Roma. Progetto selezionato nel concorso “Altre Esistenze

Opere in collezioni permanenti:
- Fondazione Karim Bennani per l’arte e la cultura, Rabat-Marocco
- MAAM, Museo dell’altro e dell’altrove, Roma

 

Pubblicazioni
“Profili d’artista”, cura di Mario Napoli, Satura editore 2014
Catalogo dell’Arte Moderna n°46, cura di Paolo Levi, Edizione Mondadori 2010
“Segno e corpo, cura di Giulia Giovanardi, edizioni Okad 2010
“Empty city, mutant place” Pechino, 2008. Catalogo mostra, curato da Filippo Salviati e Ambra Corinti, con il patrocinio del Ministero del turismo e delle attività culturali e del GAI(associazione giovani artisti italiani)
“L’ultima onda” Simona Maggiorelli, in Left n18, Maggio 2008
“Pechino chiama Roma” Lucia Pozzi, in Il Messaggero, 30 Aprile 2008

Sara al lavoro nel nuovo studio